Credi ancora: la storia di Sweet d'Buster

Credi ancora: la storia di Sweet d'Buster

Un documentario musicale sul primo vero supergruppo olandese, gli Sweet d'Buster.

C'è un breve periodo in cui sia Bertus Borgers (ex Albert Show) che Robert Jan Stips (ex Supersister) fanno parte di The Golden Earring. 

Quando questo periodo finisce, Borgers e Stips decidono di continuare insieme. Il primo risultato della collaborazione è l'album Nevergreens (1975), pubblicato con il nome di Stars & Stips.

Poco dopo, Stips e Borgers iniziano una nuova band con l'ex sezione ritmica di Cuby + Blizzards, Hans la Faille e Herman Deinum, integrati dal chitarrista Paul Smeenk. Il nome della band sarà Sweet d'Buster.

Nel 1977 esce l'album di debutto di quello che in realtà è il primo supergruppo olandese. L'album, che prende il nome dalla band, è un successo artistico, ma purtroppo non commerciale. 

Vivi contro di essa, Sweet d'Buster va come un razzo. La 'Allstar Band' attira il tutto esaurito in tutto il paese. 

L'album n. 2 di Sweet d'Buster, Friction (1978) è un successo. L'occupazione è invariata. 

Friction contiene Still Believe, brano diventato un classico del pop olandese, sia nella versione originale che nella cover (live) di Herman Brood (ex C+B). Bertus Borgers suona anche sulla versione di Brood (Cha Cha 1979). Herman fa giustamente a Bertus una grande presentazione. ''Con Bertus Borgers!'' 

La reputazione di Sweet d'Buster come una grande band dal vivo può essere ascoltata nell'album di Gigs (1979). Diventa l'album più venduto della band. 

Sfortunatamente, il successo sperato all'estero non si è concretizzato, dopo di che Robert Jan Stips e Hans la Faille hanno deciso di lasciare la band.

Sweet d'Buster non si arrende però e riparte con Pierre van der Linden (ex Focus) alla batteria e Jons Pi Store (ex Neerlands Hoop) alle tastiere. Nella formazione, la band parte per gli Stati Uniti. per registrare l'album Into The Blue (1979). Poco va secondo i piani. Il primo mix viene rifiutato e la maggior parte delle parti di batteria di Van der Linden vengono ri-registrate da Leon Klaase (ex Powerplay). 

L'album quindi non è un successo. Illusioni più povere, esperienze più ricche, Sweet d'Buster si è arreso. È la fine di una delle band più sottovalutate della storia del pop olandese.

Ma non per molto!

Nel 2019 Hans la Faille pubblicherà l'album Still Believe, un'ode ai suoi amici d'infanzia e al compagno di Cuby Herman Brood e al quasi dimenticato Sweet d'Buster.

Un anno dopo, Universal esce nella serie: "The Golden Years Of Dutch Pop Music", un CD con quasi la raccolta completa delle opere di Bertus Borgers e Sweet d'Buster. 

Un altro segno che la band è ancora viva o viva è il numero di Plays of Still Believe su Spotify che si sta lentamente avvicinando a 250.000. La copertina di Brood è sopra il milione. Il numero di ascoltatori che Sweet d'Buster attira ogni mese è di ben 3000. 

Grazie, 

Bertus Borgers 
Robert Jan Stips
Hans la Faille
Herman Deinum
Paul Smeenk 
Arnold Bogaart
Jons Pitoren
Pierre van der Linden
Leon Klaasse
Link Aad
Danny Lademacher
Johan Derksen
Ralph de Jongh 
Erwin Java
Ivo de Lange
Rinus Gerritsen
Cesar Zuiderwijk
Herman Wolters
Feico Nijdam 

E tutti i dipendenti di: Ariola/Bubble, Rock Academy, Conservatory Rotterdam, Herman Brood Museum e la famiglia Borgers.   


Lascia un commento